Recentemente mi è tornata un po’ di ocularite, nella sua peggiore versione: la terribile zeissite! ma partiamo dall’inizio…

Non potendo osservare con il dobson per almeno un annetto e immagazzinando l’esperienza di alcuni anni, son giunto alla conclusione che una giusta (almeno per me) collezione di oculari per il profondo ciuelo deve darmi i seguenti ingrandimenti: 80x 200x 250x 300x. L’80x lo uso come oculare cercatore e per oggetti estesi. Subito dopo voglio spingere per osservar dettagli, non mi serve un medio ingrandimento. Gli alti ingrandimenti devono essere vicini tra loro, perchè cambia di brutto da sera a sera osservare a 200x o a 300x. Spesso poi i duecento son pochi e i trecento troppi.

Mi ritrovavo con la seguente sequenza: 80x 140x 225x 300x. Evidentemente i 140x e i 225x erano una sovrapposizione di ingrandimenti simili. Ho venduto dunque due amati oculari: il 13 e l’8 LVW, per prendere due oculari più vicini a quel che ho in mente. Ho così recuperato un nagler 7mm di fortuna su ebay, che mi da’ 260x. Mi serve ora un 10 o un 9. Ho pensato o al nagler 9mm, o al pentax xw da 10mm o al delos 10mm.

Sul piano delle prestazioni, son sicuro che il delos è quello che vale di più come trasparenza e rispetto dei colori. Se il nagler è trasparente ma caldo, il pentax è freddo ma meno trasparente. Il delos da 10mm arriverà, a meno di trovare il nagler o il pentax a prezzi bassi. Escludo gli oculari da 100°, davvero troppo pesanti e ingombranti.

E per quanto riguarda l’osservazione da casa? Bèh, son giunto alla conclusione che con un telescopio, il VMC200L, f/9.5 su montatura equatoriale, il meglio siano oculari con poche lenti. Per questo, ho una pletora di oculari vintage da 2, 3 e 4 lenti. Fra tutti spiccano i due zeiss ortho da 10mm e da 16mm. Sono davvero oculari dalla resa straordinaria. Correttissimi, dunque veri ortoscopici, colori impeccabili, trasmissione della luce perfetta. Ho recuperato poi un oculare di cui ho sentito un gran bene, ma che non avevo mai potuto provare: il plossl meade serie 3000 ( dunque made in japan ) da 6,7mm. Lo zeiss da 6mm viene venduto a prezzi fuori da ogni logica, quindi ho preferito, a 1/6 del prezzo, il giapponesino al tedeschino. Non vedo l’ora di provarlo, non appena la nebbia in val padana darà una tregua.
Infine, sarebbero da stabilire quali sono gli oculari giusti per il takahashi sky 90. Prima però devo capire cosa voglio osservarci. Per ora ho compiuto osservazioni di vasti campi stellari in toro e orione, da casa, con il LVW 22: 22 ingrandimenti e 3 gradi di correttissimo campo! E voi, con un rifrattorino corto, cosa ci osservate e con quali oculari?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...